Laurea

Corso di Laurea Magistrale in Turismo e Spettacolo

Non ancora recensito.

Il corso di laurea interdisciplinare è incentrato sull’integrazione e valorizzazione del turismo culturale con tutto ciò che riguarda la promozione del territorio da un punto di vista artistico, di organizzazione di eventi e dello spettacolo in ogni sua forma.

  • DoveMessina
  • LaureaII° Livello Magistrale
  • Durata2 anni
  • ClasseLM-49; LM-65
  • DipartimentoScienze Formazione Studi Culturali
  • AccessoLaurea triennale
  • ModalitàConvenzionale
  • Stage

Il Corso interclasse, risponde all’esigenza di riconoscimento professionalità specifica che mancava a chi opera nelle attività connesse con il mondo dello spettacolo.

Si è andato così ad individuare uno spazio interdisciplinare tra le classi LM-49, Progettazione e gestione dei sistemi turistici (Curriculum SCIENZE DEL TURISMO) e LM- 65, Scienze dello spettacolo e produzione multimediale (Curriculum SCIENZE DELLO SPETTACOLO) tale da colmare una lacuna nel panorama degli sbocchi professionali tra i più impegnativi per l’occupazione qualificata, specialmente nelle regioni dell’Italia meridionale.

In particolare si è tenuto conto dell’esperienza nazionale dei DAMS che nella loro struttura autonoma non sono riusciti a trovare un adeguato sbocco professionale per i loro laureati. È ipotizzabile che la sinergia con le tematiche economiche, culturali e scientifiche della classe LM-65 e, più in generale, del loro forte nesso col territorio possa rivelarsi molto utile per gli sbocchi occupazionali.

Contatta

L’obiettivo generale del corso è quello di formare professionisti specialisti nell’integrazione delle componenti progettuali e organizzative relative alla valorizzazione dei patrimoni culturali e degli eventi artistici particolarmente significativi per la qualificazione e la promozione turistica del territorio.

Il percorso formativo insisterà su un’integrazione tra i settori scientifico-disciplinari basati sulla valorizzazione del patrimonio culturale e demoetnoantropologico della tradizione storica dello spettacolo e quelli mirati allo sviluppo delle tecnologie più attuali della rappresentazione artistica, soprattutto nelle arti visive.

Il corso, inoltre, è orientato all’acquisizione di una sensibilità territoriale.

Gli sbocchi professionali per i laureati in Turismo e spettacolo sono:

  • Specialisti nella commercializzazione di beni e servizi (escluso il settore ICT)
  • Dialoghisti e parolieri
  • Creatori artistici a fini commerciali (esclusa la moda)
  • Registi
  • Attori
  • Direttori artistici
  • Sceneggiatori
  • Scenografi
  • Artisti delle forme di cultura popolare
  • Tecnici delle attività ricettive e professioni assimilate
  • Organizzatori di fiere, esposizioni ed eventi culturali
  • Organizzatori di convegni e ricevimenti
  • Animatori turistici e professioni assimilate
  • Agenti di viaggio
  • Guide ed accompagnatori naturalistici e sportivi
  • Guide turistiche
  • CINEMA E PAESAGGIO (MODULO DI METODOLOGIE DI TURISMO)
  • DISCIPLINE DELLO SPETTACOLO
  • FILMOLOGIA (MODULO DI METODOLOGIE DI SPETTACOLO)
  • GEOGRAFIA CULTURALE
  • LINGUISTICA ITALIANA
  • STORIA DELL’ARTE
  • STORIA MODERNA
  • TEORIA E PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE
  • TEORIE DEL CINEMA

Il corso, nella sua parte specifica delle problematiche turistiche è indirizzato, principalmente, ma non esclusivamente, ai laureati della triennale della classe L-15.

Per la Classe LM-65, Scienze dello spettacolo e produzione multimediale il corso s’indirizza, prevalentemente, ma non esclusivamente, agli allievi provenienti dalla triennale interfacoltà della classe L-3 e a quelli della classe L-20.

Gli studenti che vogliano accedere a questa classe devono dimostrare di possedere una solida preparazione relativa alle discipline del turismo e/o a quelle dello spettacolo. Le classi triennali di provenienza più adatte, ma non esclusive, sono la L-3 (DISCIPLINE DELLE ARTI FIGURATIVE, DELLA MUSICA, DELLO SPETTACOLO E DELLA MODA), la L-15 (SCIENZE DEL TURISMO) e la L-20 (SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE).

Convenzionale

Non sono previsti test di accesso.

Italiano

Controlla le tasse alla pagina web del corso di laurea.

  • Vitella Federico
  • Mazzaglia Rossella Nancy Maria
  • Barilaro Caterina
  • Assenza Elvira
  • Campione Francesco Paolo
  • Restifo Giuseppe
  • Caridi Giuseppe
  • Cardella Valentina
  • Cervini Alessia
  • Maria Teresa Morabito
  • Paola Di Mauro
  • Alessia Cervini

La prova finale consisterà nella discussione di un elaborato scritto; un progetto originale di ricerca, su un tema concordato con un docente nell’ambito delle discipline curriculari.

La prova finale della classe in Progettazione e gestione dei sistemi turistici LM- 49 potrà consistere nella formulazione di un progetto originale, corredato di contenuti esecutivi, per la direzione operativa di strutture per la promozione e organizzazione turistica e la consulenza alle imprese culturali.

La prova finale della classe in Scienze dello spettacolo e produzione multimediale LM-65 potrà consistere anche nella produzione di un prodotto on-line, off-line o multimediale concernente l’area dello Spettacolo o della spettacolarizzazione di eventi e patrimoni di spettacolo, cinema ed audiovisivi, arti. È ammesso sia il lavoro individuale che il lavoro di équipe con apporti individuali definiti.

La prova finale sarà poi discussa in seduta pubblica con una Commissione nominata in base al Regolamento didattico di Dipartimento

Il laureto in Turismo e Spettacolo è in possesso di conoscenze teoriche multidisciplinari, necessarie al processo di apprendimento delle tradizioni linguistiche e letterarie e ad una loro possibilità di definizione comparativa e performativa.

La configurazione delle specifiche competenze sullo spettacolo dovrà inscriversi nella consapevolezza dell’interazione tra luoghi destinati ad ospitare ed eventi che vi si svolgono.

Tra le competenze del laureato c’è l’approfondimento specialistico di nuove figure professionali emergenti: il mediattore, il cybernarratore, il syntheticactor, il digital story teller, l’hyperactor, il networked news teller che tracciano, tutte assieme, una radicale ridefinizione, non solo terminologica e metodologica, ma anche teorica e contenutistica, del campo creativo nelle arti e nei processi della rappresentazione.

Il corso di laurea, inoltre, prepara alla professione di:

  • Direttori artistici – (2.5.5.2.3)
  • Sceneggiatori – (2.5.5.2.4)
  • Scenografi – (2.5.5.2.5)
  • Tecnici delle attività ricettive e professioni assimilate – (3.4.1.1.0)ISTAT
  • Organizzatori di fiere, esposizioni ed eventi culturali – (3.4.1.2.1) ISTAT
  • Organizzatori di convegni e ricevimenti – (3.4.1.2.2)ISTAT
  • Animatori turistici e professioni assimilate – (3.4.1.3.0)ISTAT
  • Agenti di viaggio – (3.4.1.4.0)ISTAT
  • Guide ed accompagnatori naturalistici e sportivi – (3.4.1.5.1) ISTAT
  • Guide turistiche – (3.4.1.5.2) ISTAT

Recensioni degli studenti

Nessuna opinione su questa laurea

Lascia la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*

SI NO

nove + diciotto =

Se ne parla nel forum: TESTIMONIANZE E DISCUSSIONI

Richiedi Informazioni

Richiedi maggiori informazioni a FormazioneTurismo

Ricerca avanzata

CON QUALE LAUREA VUOI COSTRUIRE
IL TUO FUTURO? ISCRIVITI!
Compila il modulo per ricevere
aggiornamenti direttamente nella tua casella mail. 100% Free.
Accetto Condizioni d'uso e acconsento al trattamento dei dati personali in base alla Privacy Policy di laureaturismo.it