Project Work sul Turismo

Tesi di laurea: come ottenere il massimo da questo rito di passaggio

In fondo, la discussione della tesi di laurea, cos’è se non uno speciale rito di passaggio?
Affinché questo rito si svolga al meglio, portando al migliore degli esiti, è tuttavia necessario che si indossino gli abiti giusti, si sfruttino gli strumenti più adatti e ci si mostri sempre sicuri nelle interazioni con gli altri.

Abbigliamento

Un vecchio adagio ci ricorda che “l’abito non fa il monaco. Ma è anche vero che presentarsi bene anche sul fronte abbigliamento aiuta a dare una buona immagine di sé. Per discutere la propria tesi di laurea è importante quindi prestare attenzione anche ad aspetti apparentemente marginali, come il proprio abbigliamento.

Non esiste naturalmente una regola fissa ma, in generale, basta vestirsi con l’intento di apparire in ordine e non lasciare a casa, tra gli appunti che hanno contribuito a generare la tesi, una fondamentale dose di buon senso e buon gusto.

Show don’t tell

Nella scrittura creativa la regola del non ”limitarsi” a raccontare, ma impegnarsi a mostrare ciò di cui si sta parlando, aiuta a rendere più scorrevoli tanti testi: perché allora non provare a sperimentare il potere del motto “show don’t tell” anche nella trattazione della propria tesi?

Le diapositive a supporto della propria tesi, le slide con cui accompagnare la discussione della tesi di laurea, devono essere però funzionali e concise.

Avere un supporto visivo che dia maggiore impatto alla tesi può, naturalmente anche in base all’argomento trattato, essere un valore aggiunto, ma a patto che le diapositive non diventino soltanto una pedissequa trasposizione di quanto scritto nella tesi.

La presentazione in power point deve infatti mostrare pagine con descrizioni brevi e puntuali. Poche parole, ben selezionate, che aiutino i presenti ad assimilare i concetti principali. Le slide, inoltre, devono essere funzionali alla tesi: è importante non divagare e restare focalizzati sul cuore della tesi di laurea.

Interazione

La discussione della tesi di laurea non è un monologo. Anche se la propria esposizione dell’elaborato è la parte più importante non è comunque l’unica: durante tutta la presentazione occorre quindi essere pronti non solo a essere interrotti e ricominciare senza perdere il filo, ma anche a rispondere a qualsivoglia domanda.

Il laureando deve essere in grado di mostrare e dimostrare di avere pieno controllo del discorso. Deve mostrare una certa sicurezza, naturalmente figlia di una tesi elaborata con le proprie mani. Parliamoci chiaro: una cosa è esporre una tesi scopiazzata (o, peggio, fatta scrivere da altri), un’altra cosa è parlare del proprio in ci si è messa tanta passione e impegno.

Atteggiamento

Studiare all’università significa imparare le materie oggetto di studio, certo, ma significa anche crescere, maturare e capire che c’è sempre da imparare da qualcuno che può essere più saggio di noi. I latini la sapevano lunga riguardo l’importanza di trovare il giusto equilibrio, di perseguire la misura.

E nel giorno più importante della carriera universitaria, il giorno della laurea, occorre essere misurati anche nel proprio atteggiamento per ottenere il massimo del successo.

No quindi a un’eccessiva insicurezza, a mostrarsi timorosi. Chi discute la tesi deve essere il suo primo strenuo sostenitore. Ma va detto no anche all’arroganza e al non essere aperti a consigli e critiche da parte dei professori presenti alla discussione.

1277 visite

Contatta l'università

 Accetto l'informativa sulla privacy